Aumentano i positivi all’interno delle carceri: secondo gli ultimi dati del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria sono 178 gli operatori di polizia penitenziaria contagiati (18 ricoverati in ospedale, una ventina in quarantena in caserma e il resto in isolamento a casa propria) e 58 i detenuti. A preoccupare e’ soprattutto la situazione del penitenziario di Torino, dove è concentrato il numero più consistente di casi tra i reclusi. Se nel loro complesso le cifre restano contenute, colpisce che in due giorni il dato dei detenuti positivi sia cresciuto di un terzo. Si è passati dai 37 contagiati registrati il 6 aprile ai 58 di mercoledì. A far fare un balzo in avanti alla cifra complessiva i positivi scoperti nel carcere di Torino, dove a causa di un sospetto contagio, sono stati sottoposti a tampone 60 detenuti: a 19 di loro è stata riscontrata la positività, un dato che porta a 23 i contagiati da Covid-19 alle Vallette.

Secondo il Dap, non vi sarebbero al momento rischi di ulteriori contagi, poiché su indicazione del sanitario dell’istituto, sono state predisposte misure per separare i detenuti in positivi, in chi ha avuto contatti con loro ed è in isolamento precauzionale, e i negativi. Nei giorni scorsi giorni, per altri sette detenuti era scattata la detenzione domiciliare: il magistrato di sorveglianza di Torino aveva ritenuto il loro stato di salute incompatibile con il carcere. E da dietro le sbarre era partito un drammatico appello.

Aiutateci o sarà un lazzaretto, il messaggio dei reclusi ospiti della palazzina dei semiliberi, da dove è partito il contagio, che avevano raccontato di vivere in 45 persone in un ambiente di circa 100 metri quadrati con due soli servizi igienici per tutti. Alfonso Bonafede garantisce che “sta seguendo da vicino” la situazione. Sinora usciti dal carcere in 4mila, troppo pochi anche per il Garante Mauro Palma, che invoca da interventi “ben più decisi”, mentre i Radicali annunciano per Pasqua la Sesta marcia per l’amnistia, che vista l’emergenza virus, si terrà dalle frequenze di Radio Radicale.

FIRMA L’APPELLO: http://bit.ly/DRAMMA_CARCERI